lunedì 3 giugno 2019

VENERDI' VISIONARI: 7 giugno

Terzo e ultimo appuntamento con la rassegna Black Cinema - Le questioni razziali dalla prospettiva inversa, questo venerdì 7 giugno alle ore 21.00.
Le emozioni crude, il saper tradurre la frustrazione e la rabbia in fierezza e colore, la capacità di indurre lo spettatore a sentire la potenza della lotta, e a percepirne l'irresolubilità: queste le caratteristiche di un regista, Spike Lee, che nel 1989 ha aperto la strada ad altri cineasti afroamericani. 
Non mancate per la visione del suo ultimo lavoro, BlacKkKlansman.






L’ultimo graffiante film di Spike Lee si è visto sottrarre l’oscar a favore di Green Book. Il mainstream continua a digerire a fatica la visione lucida, spietata e sarcastica di questo regista, che invita sempre il pubblico a riflettere con intelligenza. In questa pellicola, con il suo talento sempre unico, Lee ci racconta la vera storia dell’unico poliziotto nero che sia riuscito a infiltrarsi nel Ku-Klux-Klan.

giovedì 30 maggio 2019

VENERDI' VISIONARI. 31 maggio 2019

Domani, venerdì 31 maggio alle ore 21.00 non mancate al secondo appuntamento del ciclo visionario "Black Cinema. Le questioni razziali dalla prospettiva inversa", a cura di Federico Povoleri.


“New Jack City” di Mario Van Peebles (1991, 97')
con: Wesley Snipes, Ice T, Chris Rock

La criminalità nera vista da un nero. Opera d’esordio di Mario Van Peebles, figlio del più noto Melvin Van Peebles, è un film ambizioso e non pienamente riuscito che scatenò infinite polemiche alla sua uscita provocando risse fuori dai cinema dove veniva proiettato e invocando il rogo della
pellicola da parte di alcuni integralisti bianchi. Ha il pregio di essere un film onesto e rivelò al mondo il talento di Wesley Snipes che inizierà una luminosa e fortunata carriera.


martedì 21 maggio 2019

VENERDÌ VISIONARI. BLACK CINEMA

Da venerdì 24 maggio si apre il secondo ciclo dei Venerdì Visionari: Black Cinema, ovvero le questioni razziali dalla prospettiva inversa.
Il cinema statunitense, gestito e monopolizzato per molti anni dai bianchi, ha costruito tutto l'immaginario che ruota attorno al popolo nero, prima schiavizzato e poi lentamente integrato in quella società. Ne ha gestito la terminologia, dal "negro" utilizzato nei primi film fino al politicamente corretto ma non meno razzista e paradossale "persona di colore". Ne ha gestito l'immagine, truccando attori bianchi con cera nera e labbra rosse, creandone così delle caricature. Ha successivamente riflettuto sulle questioni razziali, in alcuni casi tentando un "mea culpa", ma tutto questo è avvenuto sempre dalla stessa prospettiva: quella dell'uomo bianco. Il cinema "nero" ha iniziato ad emergere come sottogenere di nicchia verso la metà degli anni '70 con il fenomeno della "Blaxploitation", in cui emergeva la figura dell'eroe nero in polizieschi ricchi di azione e distribuiti abbastanza limitatamente ad appannaggio del pubblico afroamericano, che poteva così sentirsi meno escluso e più coinvolto nella fiction che dipinge la realtà e conquista i cervelli.
L'arrivo del regista Spike Lee con "Do the right thing" nel 1989 cambiò tutto e aprì finalmente una stagione cinematografica in cui il cinema fatto dagli afroamericani acquistò dignità, venendo riconosciuto in patria e oltreconfine. Spike Lee fu di ispirazione per una reale esplosione di talenti che da quel momento in poi offriranno al pubblico una narrazione, delle idee e una cultura profondamente diverse da quanto per intere generazioni aveva monopolizzato la visione del popolo bianco.

"Straight Outta Compton" è la storia del gruppo rap degli N.W.A. (Niggers With Attitude), considerati gli inventori del "Gangsta-rap", il rap che parla di armi, violenza e prostitute. Un genere musicale che segnerà tra l'altro la creazione dell'etichetta "Explicit lyrics", apposta per legge sui dischi con testi espliciti, inizialmente considerata una bollatura da evitare, si trasformerà presto in un segno distintivo da ammirare e seguire. Il film, ambientato nell'America del pestaggio del tassista Rodney King, che diede il via a una rivolta nei quartieri poveri di Los Angeles, è stato boicottato in diversi modi, ma è diventato inaspettatamente uno dei maggiori successi al botteghino. 

venerdì 10 maggio 2019

L’angolo del baratto, sabato 11 maggio



Domani, sabato 11 maggio, al termine della camminata urbana alla Giudecca, vi invitiamo a venirci a trovare in circolo per una due ore di  scambio, spulcio, riformulazione di armadi per la stagione!
In compagnia dell’Angolo del baratto.

La casa ha bisogno di cura -SABATO 11 MAGGIO


 
Vi invitiamo a partecipare tutti e tutte domani, sabato 11 maggio, alla passeggiata urbana alla Giudecca sul tema della residenzialità e del diritto all'abitare. In 4 tappe verranno raccontate 4 zone dell'isola, 4 esempi di malagestione del problema abitativo che sono emblematici in tutta la città. Gli alloggi pubblici (più di mille sono lasciati vuoti), il fallimento dei progetti di social housing (su 5mila alloggi annunciati solo 200 realizzati) e il dramma della non regolamentazione delle affittanze brevi (il 75% delle compravendite immobiliari in città è per investimento turistico). 

Il Circolo Luigi Nono aderisce all'iniziativa e ci sarà, vi aspettiamo! La passeggiata si svolgerà anche in caso di maltempo.

giovedì 9 maggio 2019

VENERDI' VISIONARI - 10 maggio 2019

Domani alle 21.00 terzo e ultimo appuntamento con il ciclo di documentari per prendere coscienza del cambiamento climatico e non solo, tre casi emblematici del nostro (irresponsabile) rapporto con l’ambiente. Prossimamente un altro ciclo di Venerdì Visionari, stay tuned!

VENERDI 12/04 Fukushima: A Nuclear Story (2015) regia di Matteo Gagliardi
VENERDI 03/05 Chasing Ice (2012) regia di Jeff Orlowski
VENERDI 10/05 Chasing coral (2017) regia di Jeff Orlowski


Chasing coral racconta la campagna internazionale organizzata da subacquei, scienziati e fotografi per documentare lo stato dei fondali marini, svelando il ruolo fondamentale dei coralli per l’equilibrio dell’ecosistema marino e dell’intero pianeta.





mercoledì 1 maggio 2019

VENERDI' VISIONARI - 3 MAGGIO 2019


Questo venerdì 3 maggio, alle ore 21.00, secondo appuntamento con i documentari per prendere coscienza del cambiamento climatico e non solo: i ghiacci artici, i coralli marini e il disastro di Fukushima, tre casi emblematici del nostro (irresponsabile) rapporto con l’ambiente.

VENERDI 12/04 Fukushima: A Nuclear Story (2015) regia di Matteo Gagliardi
VENERDI 03/05 Chasing Ice (2012) regia di Jeff Orlowski
VENERDI 10/05 Chasing coral (2017) regia di Jeff Orlowski

    Nel 2005 Il fotografo James Balog è incaricato di una spedizione nell’Artico dalla National Geographic per un servizio sul cambiamento climatico. Nonostante l’iniziale scetticismo, il viaggio segna per Balog l’inizio di un cambiamento e di un grande un progetto di ricerca: il posizionamento nell’Artico di una serie di fotocamere sperimentali per registrare a lungo termine le immagini dei ghiacciai in trasformazione. Ci vorranno anni per il fotografo per vedere i frutti del proprio lavoro. Chasing Ice è il ritratto di un fotografo e della sua sfida per documentare e raccontare attraverso le immagini la portata delle trasformazioni in atto sul nostro pianeta.